Il progetto mira ad analizzre la condizione delle donne disabili nel mercato del lavoro in Provincia di Bologna

Nell'ambito della progettazione sociale, la UILDM ritiene fondamentale adottare un'ottica di genere nella definizione dei propri servizi e progetti per sostenere le pari opportunità d'integrazione sociale per donne e uomini con disabilità.

Il progetto si propone di investigare la situazione occupazionale delle donne disabili fisiche in Provincia di Bologna attraverso l'analisi quantitativa e qualitativa delle donne stesse e dei soggetti preposti alla diffusione delle pratiche e della cultura dell'inserimento lavorativo mirato (Centro per l'Impiego, sindacati e associazioni imprenditoriali di categoria).

Il progetto prevede l'attuazione sul territorio provinciale una serie di azioni di sensibilizzazione e di eventi sia nei confronti delle donne con disabilità sia del grande pubblico per lanciare l'ipotesi di una rete di soggetti del mondo istituzionale e del volontariato che si misuri sul tema legato alle condizioni di lavoro delle donne disabili fisiche in Provincia di Bologna attraverso l'adozione di un approccio di genere che tenga conto della specificità delle lavoratrici disabili e le valorizzi presso le imprese.

 

Gli obiettivi che il progetto si propone sono:

  • Realizzare una ricerca sulla situazione delle donne disabili fisiche nel mondo del lavoro in Provincia di Bologna a partire dalle organizzazioni di volontariato, associazioni e cooperative sociali legate al tema della disabilità fisica e dalle donne disabili lavoratrici. L'indagine verterà sulle seguenti tematiche: accesso al lavoro, inserimento lavorativo attraverso il collocamento mirato, flessibilità del lavoro, trasporto, conciliazione lavoro/vita, sostegno psicofisico, barriere architettoniche;
  • Realizzare uno studio delle politiche di sostegno all'inserimento lavorativo delle donne disabili fisiche da parte di sindacati ed associazioni imprenditoriali di categoria;
  • Organizzare azioni di sensibilizzazione e eventi sul tema che promuovano l'idea di una rete di rappresentanza che metta in comunicazione i soggetti coinvolti nella ricerca (organizzazioni di volontariato, associazioni, cooperative sociali, sindacati, associazioni imprenditoriali di categoria) e che costituisca un soggetto legittimato al confronto con le istituzioni pubbliche e alla formulazione di programmi sui temi della disabilità fisica al femminile in materia di lavoro;
  • Aumentare la sensibilità dei soggetti del mondo del lavoro alle questioni inerenti il tema della disabilità al femminile;
  • Valorizzare le donne con disabilità e renderle maggiormente consapevoli dei loro diritti nell'ambito lavorativo.

 

Partner del progetto:

Consigliere di Parità della Provincia di Bologna, dott.ssa Barbara Busi e dott.ssa Rosa Maria Amorevole

Istituto per il Lavoro

CERPA Centro Europeo per la Ricerca e la Promozione dell'Accessibilità

librisolidali

ARTISTI UILDM

pittore