EXPOSANITA' 2018

sabato 21 aprile 2018 - 09:30 | 12:30 - Sala NOTTURNO

Ingresso libero previa iscrizione

Le patologie neuromotorie ad esordio infantile comprendono patologie acquisite, come la Paralisi Cerebrale Infantile, e patologie neurologiche genetiche rare come le Malattie Neuromuscolari ad esempio la Distrofia muscolare e l’Atrofia muscolare spinale. Queste patologie possono comportare il mancato sviluppo del cammino e gravi difficoltà nell’utilizzo degli arti superiori e necessitano pertanto di un approccio riabilitativo globale che include la progettazione di ausili per lo spostamento. Tali ausili possono essere inseriti in un progetto a favore dell’Autonomia, come la carrozzina elettronica. Ai fini di un progetto di Autonomia per lo spostamento è necessaria una corretta diagnosi del tipo di patologia e della sua prognosi evolutiva, una attenta valutazione dei vincoli ma anche delle risorse motorie in campo, una accurata valutazione delle abilità sensoriali ma anche e soprattutto una accurata valutazione delle risorse neuropsicologiche e del profilo neurocomportamentale del soggetto. A tutto ciò va aggiunta una valutazione del contesto famigliare, delle motivazioni psicologiche al progetto di autonomia che va condiviso con tutti gli attori in campo e di analisi del contesto ambientale. Il convegno ricapitola questi passaggi in un protocollo ragionato cui convergono competenze neurofisiatriche, neurologiche, neuropsichiatriche infantili, psicologiche, neuropsicologiche, tecnologiche, sociali e di contesto famigliare e ambientale. Le soluzioni di Autonomia oltre a favorire lo sviluppo delle abilità cognitive e relazionali della persona, possono rappresentare un patrimonio esperienziale e riabilitativo di fondamentale importanza da spendere nella vita adulta, ma questo obiettivo è tanto più raggiungibile quanto più precocemente e correttamente la proposta viene avviata fin dalle prime epoche della vita. Il coinvolgimento di tutto il nucleo famigliare è indispensabile, ai fini di favorire la condivisione del progetto, la sua realizzazione e quindi la riduzione della dipendenza reciproca.

Scarica il Programma in formato PDF del 21 aprile clicca qui

 PROGRAMMA Pagina 3