Il 26 marzo, presso la sede del Mambo, via don Minzoni 14 a Bologna, la CGIL di Bologna ha organizzato un convegno dal titolo "PER UNA SCUOLA E UN LAVORO SENZA BARRIERE". Sono previsti interventi sia dal mondo CGIL (SEGRETARIO GENERALE CDLM, INCA, SPORTELLO DISABILI, FLC, STUDIO LEGALE ASSOCIATO, UFFICIO STRANIERI) sia dal mondo esterno al sindacato (RAPPRESENTANTI DELLE ISTITUZIONI, DEL MONDO DELL'ASSOCIAZIONISMO, DELLE ASSOCIAZIONI DATORIALI).

In coerenza con la Carta dei diritti della CGIL e con l'idea di mettere in campo concrete politiche contrattuali a favore di chi è più in difficoltà, la Camera del Lavoro di Bologna ha deciso di rafforzare e innovare, la propria attività a favore dei disabili.

La lunga crisi che ha colpito negli ultimi anni anche il nostro territorio ha comportato riduzione dei diritti e aumento della precarietà per la stragrande maggioranza dei lavoratori che rappresentiamo, aumento della povertà e forte esclusione sociale; i disabili hanno pagato il prezzo più alto diventando sempre più difficile sia la ricerca di un lavoro, sia il mantenimento dello stesso dove ciò era possibile.

Da gennaio 2018 entrerà in vigore la nuova normativa sull'inserimento dei disabili nei luoghi di lavoro che comporterà l'obbligo dell'assunzione nelle aziende superiore ai 15 dipendenti; si aprirà pertanto una nuova fase che darà al sindacato una nuova leva di contrattazione nonchè un ruolo di verifica e di rispetto della legge.

Vorremmo avviare sul territorio un percorso condiviso sul territorio che crei una nuova cultura a favore dell'integrazione e che faccia fare dei concreti passi in avanti sia nel mondo del lavoro che della scuola.

L'iniziativa sarà conclusa da Nina Daita, responsabile per la CGIL delle politiche a favore della disabilità.

Vi aspettiamo alla nostra iniziativa, che vi chiediamo di segnarVi in agenda sin d'ora.

In allegato il volantino relativo all'iniziativa, i cui dettagli verranno definiti nei prossimi giorni.

Sonia Sovilla
segreteria CGIL BOLOGNAPer una scuola ed un lavoro senza barriere

sabato 21 aprile 2018 - 09:30 | 12:30 - Sala NOTTURNO

Ingresso libero previa iscrizione

Le patologie neuromotorie ad esordio infantile comprendono patologie acquisite, come la Paralisi Cerebrale Infantile, e patologie neurologiche genetiche rare come le Malattie Neuromuscolari ad esempio la Distrofia muscolare e l’Atrofia muscolare spinale. Queste patologie possono comportare il mancato sviluppo del cammino e gravi difficoltà nell’utilizzo degli arti superiori e necessitano pertanto di un approccio riabilitativo globale che include la progettazione di ausili per lo spostamento. Tali ausili possono essere inseriti in un progetto a favore dell’Autonomia, come la carrozzina elettronica. Ai fini di un progetto di Autonomia per lo spostamento è necessaria una corretta diagnosi del tipo di patologia e della sua prognosi evolutiva, una attenta valutazione dei vincoli ma anche delle risorse motorie in campo, una accurata valutazione delle abilità sensoriali ma anche e soprattutto una accurata valutazione delle risorse neuropsicologiche e del profilo neurocomportamentale del soggetto. A tutto ciò va aggiunta una valutazione del contesto famigliare, delle motivazioni psicologiche al progetto di autonomia che va condiviso con tutti gli attori in campo e di analisi del contesto ambientale. Il convegno ricapitola questi passaggi in un protocollo ragionato cui convergono competenze neurofisiatriche, neurologiche, neuropsichiatriche infantili, psicologiche, neuropsicologiche, tecnologiche, sociali e di contesto famigliare e ambientale. Le soluzioni di Autonomia oltre a favorire lo sviluppo delle abilità cognitive e relazionali della persona, possono rappresentare un patrimonio esperienziale e riabilitativo di fondamentale importanza da spendere nella vita adulta, ma questo obiettivo è tanto più raggiungibile quanto più precocemente e correttamente la proposta viene avviata fin dalle prime epoche della vita. Il coinvolgimento di tutto il nucleo famigliare è indispensabile, ai fini di favorire la condivisione del progetto, la sua realizzazione e quindi la riduzione della dipendenza reciproca.

Scarica il Programma in formato PDF del 21 aprile clicca qui

 PROGRAMMA Pagina 3